Mola di Bari Tv

Eventi - Cultura - Spettacoli- Comunicati

Eventi

 

 

 

Pin It
la data di costruzione della chiesa risalirebbe alla fine del XIII secolo, così come riportato in un diploma angioino datato 22 settembre 1279.

Schema planimetrico diviso in tre navate, con transetto rialzato di cinque gradini rispetto allo spazio assembleare e coincidente con l’area presbiterale, concluso con una profonda campata caratterizzata dalla presenza di un’abside semicircolare. La scansione degli elementi strutturali definisce una suddivisione dello spazio sacro in sei campate quadrangolari, di cui le due presenti nel transetto consistono in grandi spazi aperti a tutta altezza posti alla stessa quota dell’area presbiterale; in corrispondenza della quarta campata, si accede al monumentale Cappellone del Santissimo Sacramento in cui è conservata la custodia Eucaristica. L’accesso principale e quotidiano all’edificio avviene attraverso l’unico portale presente sul prospetto meridionale, tramite una bussola in legno; dalla navata laterale sinistra è inoltre raggiungibile la cripta presente al di sotto dell’attuale quota del piano di calpestio della chiesa. Lo schema planimetrico è definito da due serie di colonne con doppio toro di base e capitelli; al di sopra degli archi a tutto sesto che sormontano le colonne ricorre una trabeazione
decorata con un fregio su cui si eleva il matroneo; nelle navate laterali si innestano dodici volte a vela; l’area presbiterale, che si distingue dallo spazio assembleare per la presenza di un arco trionfale a tutto sesto, è conclusa da un catino absidale emisferico. Gli altri due ambienti degni di nota sono l’Oratorio ed il Cappellone del Santissimo Sacramento: il primo è un vano rettangolare coperto da una volta a botte lunettata; il secondo, anch'esso rettangolare, è invece sormontato da due volte a crociera, una volta a botte lunettata ed una cupola emisferica. La facciata principale è realizzata con paramento in conci di pietra locale disposti a corsi regolari ed è divisa in tre ordini orizzontali, di cui quello inferiore contiene il portale d’ingresso affiancato da due identiche composizioni architettoniche contenenti due oculi circolari finemente decorati con una sagoma strombata verso l’interno; nella parte intermedia della facciata si aprono otto finestre binate e, nello scomparto centrale, un elegante rosone circolare a sedici bracci con archetti polilobati. Molto interessante è l’unico prospetto laterale visibile dall’esterno, ovvero quello prospiciente via Vittorio Veneto: degni di nota sono, senza dubbio, la fascia di archetti pensili, di chiara matrice romanica, ed il monumentale portale d’ingresso laterale. Le superfici interne sono trattate con diverse tipologie di finitura: alcune sono intonacate, colorate in bianco e sulle tonalità della scala cromatica dei grigi, altre sono lasciate con la pietra faccia vista, altre, infine, sono impreziosite da numerose decorazioni a stucco; in corrispondenza della prima campata della navata laterale sinistra risultano visibili lacerti policromi d’affresco.

VEDI  LA FOTOGALLERY 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Cerca

.

5561402
Oggi
Ieri
Q. Settimana
S. Settimana
Q. Mese
S. Mese
Tutti i Giorni
3218
5907
16031
5472246
151085
382010
5561402

Your IP: 35.153.73.72
2019-07-16 12:15

Moladibaritv © 2019. All Rights Reserved.

Testata Giornalistica "Vita Nuova" | Regis. Tribunale di Bari n. 1357 del 26/02/1998

By Nick River

SiteLock

Privacy